Borda! Fest: un’altra Lucca è possibile

Dal 30 ottobre al 3 novembre si tiene nella città toscana il Lucca Comics & Games, la più rinomata kermesse commerciale dedicata al fumetto, al gioco da tavolo e al mondo dell’intrattenimento.
La tradizione fumettistica comincia a Lucca nel 1966 con il Salone Internazionale dei comics. Da allora molte cose sono cambiate e Lucca si è affermata come la più grande fiera in Italia e una delle più importanti in Europa. 

Nel corso degli anni il festival si è ingigantito a dismisura, finendo per dare più credito a sponsor e colossi (quali Sky, Netflix o Amazon) piuttosto che a case editrici e ad autori, soprattutto se indipendenti. Gli incontri con gli addetti al settore (disegnatori, illustratori, sceneggiatori) risultano infatti scarsamente partecipati – a meno che non vi siano grandi nomi – e l’intera proposta culturale è inadeguata rispetto alla parte commerciale del festival.
Il neonato comitato Lucca Crepa (che fa il verso alla società organizzatrice Lucca Crea) lamenta inoltre le paghe da fame che vengono corrisposte ai cosiddetti “felpati”, ossia i ragazzi, cittadini e studenti che ogni anno prestano servizio in cambio di circa 4€ all’ora, senza pasti pagati, servizi igienici dedicati e parcheggi riservati. Tutto questo a fronte di un introito commerciale di 20 milioni di euro.

Per far fronte alle criticità emerse in 53 anni di evento, nel 2014 nasce BORDA! Fest – Produzioni Sotterranee. Il BORDA! si impone come spazio culturale, gratuito e indipendente, vicino agli artisti e alla città di Lucca. Collabora con le scuole e i licei artistici cittadini, per garantire una presentazione e una visibilità ai giovani studenti. Al BORDA! la cultura viene prima del profitto: è una realtà che si autogestisce e non persegue nessun fine di lucro, ma che si pone come unico obiettivo la necessità di emergere e portare cultura libera e indipendente.
Qui gli eventi sono auto-organizzati direttamente dagli artisti, e si susseguono incontri, interventi, dibattiti e presentazioni aperti a tutti e liberamente partecipabili. La partecipazione come artista o espositore è libera e gratuita.

Nel corso degli anni il BORDA! si è guadagnato un posto di rilievo nazionale nel circuito dei festival di editoria indipendente e autoprodotta. L’edizione 2019 si terrà dal 31 ottobre al 3 novembre al Foro Boario. 

Dal sito degli organizzatori:

Con “Sotterranee” intendiamo quelle produzioni – nella maggior parte dei casi autoprodotte – che per loro natura non sono organiche alla cultura di massa. Queste sono indipendenti dalle esigenze di mercato e autonome nei contenuti da qualsivoglia imposizione dall’alto. Sono produzioni mosse da uno spirito di condivisione diretta e frutto della passione dei singoli e dei collettivi, che praticano con diversi mezzi artistici e senza alcuna gabbia, una libera espressione permeata dalla volontà di descrivere e cambiare il presente.

Il BORDA! Fest non è un “contro festival”, come è stato più volte erroneamente definito, ma un ALTRO festival, parallelo al Lucca Comics, che si oppone alla sua cultura da supermercato della comunicazione visiva, e sente il bisogno e la necessità di rimettere al centro gli autori, i collettivi indipendenti e la microeditoria, delusa ed esclusa dal Comics.
Per favorire la nascita e il fiorire di eventi come questo, e per sottolineare l’importanza di una distribuzione indipendente e autoprodotta che elimini l’intermediazione tra autore e lettore, gli organizzatori del BORDA! hanno stilato un agile pamphlet liberamente scaricabile dal loro sito internet.

AUTONOMOUS PUBLISHING TO FIGHT CAPITALISM – Autoproduzione for dummies

Per chi sarà dunque a Lucca in questi giorni, un passaggio al BORDA! è obbligatorio o quantomeno dovuto a chi da sempre si batte per una cultura libera, autogestita, indipendente e gratuita.

Nell’evento e nel sito, è visionabile il programma delle giornate della sesta edizione del BORDA! Fest – Produzioni Sotterranee, intitolato FLASH FORWARD. Qui invece l’evento facebook.